BIODANZA SRT: UNA SOCIOLOGIA DELLA FELICITÀ

Prima parte

INTRODUZIONE

Biodanza è un sistema di integrazione e sviluppo dei potenziali umani attraverso la danza, la musica e situazioni di incontro in gruppo.

“Integrazione” significa coerenza e unità all’interno delle differenti funzioni organiche e psichiche. Vuol dire reintegrare la dissociazione a livello motorio, emozionale e organico infatti diversi esseri umani quando sentono una cosa, ne pensano un’altra e ne realizzano un’altra completamente diversa. La loro esistenza non è più autentica, è frammentata. Questa situazione conduce alla depressione, allo stress e alla distruttività.

“Sviluppo dei potenziali umani” significa permettere un’espressione genetica delle nostre capacità affettive e intellettuali. La Biodanza stimola, attraverso la musica e situazioni di incontro in gruppo, sia l’integrazione che lo sviluppo dei potenziali innati dell’individuo. Una definizione più globale potrebbe essere: Biodanza è una poetica dell’incontro umano che permette l’espressione dell’identità e il piacere di vivere. Gli esercizi di Biodanza sono organizzati a partire da un Modello Teorico basato sulle Scienze della Vita: Biologia, Antropologia, Psicologia e Sociologia. Il paradigma filosofico fondamentale della Biodanza è il Principio Biocentrico: l’intero universo, compresi gli esseri umani, è organizzato in funzione della Vita. All’interno di questa concezione si vuole recuperare il senso della sacralità della vita. Se la nostra cultura ha scelto dei valori che conducono alla distruzione e alla morte, la Biodanza propone una cultura per la Vita, una nuova visione del mondo e dell’esistenza. La Biodanza quindi non è soltanto una forma piacevole di liberazione e di salute, ma la sua azione costituisce una forma di ecologia umana basata su una percezione della vita come esperienza suprema.

CONCETTI STRUTTURALI DELLA BIODANZA

INTEGRAZIONE DEL CORPO NEL PROCESSO DI TRASFORMAZIONE

Tutto il processo di trasformazione deve coinvolgere il corpo nei suoi differenti livelli: neurologico, endocrino, immunologico ed emozionale. Il concetto tradizionale che sia sufficiente essere coscienti dei conflitti dell’inconscio per curare i disagi psicologici, attualmente è stata abbandonata in quanto si è dimostrato che si trattava di una ipotesi riduttiva. L’essere umano è una totalità e non si può escludere la corporeità perché ciò conduce alla dissociazione.

IL GRUPPO

Il gruppo è essenziale nel processo di trasformazione perché induce nuove forme di comunicazione e di legame affettivo. Il gruppo è una matrice della rinascita nel quale ciascun partecipante incontra il contenitore affettivo e il permesso per il proprio cambiamento. Durante un secolo di psicoterapia si è concentrato l’interesse nell’individuo come essere isolato; oggi sappiamo che non esiste la possibilità di un’evoluzione solitaria. Martin Buber, Pichon Rivière, James Hillmann e Kenneth J. Gergen hanno cominciato la ricerca sull’uomo come essere in relazione. Nasce così il concetto di essere umano ecologico. La presenza del simile modifica il funzionamento delle persone in tutti i loro livelli organici ed esistenziali.

LA PRIORITA` DELLA VIVENCIA

L’emozione e la vivencia (l’istante vissuto QUI E ORA) rappresentano il principio regolatore delle funzioni neurovegetative, intensificandole o moderando la loro attività. Le emozioni regolano e sono al tempo stesso regolate dal sistema limbico-ipotalamico, attualmente chiamato Sistema Integratore Adattativo Limbico-Ipotalamico (SIALH). L’integrazione dei sistemi è sinonimo di cura e salute. Il cervello, il corpo e la mente sono una cosa sola, impensabile separarle. La mente risiede in ogni cellula del nostro corpo. Le vivencias di piacere, entusiasmo, amore vanno a operare sulla totalità dell’organismo. In Biodanza, nel processo di integrazione, si dà la priorità alle vivencias, solo successivamente alla coscienza e infine al secondo sistema dei segnali del linguaggio.

LA MUSICA

La musica è lo strumento di mediazione all’interno dell’emozione e del movimento corporeo. La musica è un linguaggio universale accessibile ai bambini e agli adulti di qualunque epoca e cultura. La sua influenza va direttamente all’emozione senza passare per i filtri analitici del pensiero. L’identità è permeabile alla musica e per questo si può esprimere attraverso di essa. La musica stimola una danza espressiva, una comunicazione affettiva e la vivencia di sentire se stessi.

Continua…

Articolo tratto da Psiconews (n. 3 Marzo 1996 San Paolo, Brasile) scritto dal prof. Rolando Toro Araneda, ideatore del Sistema Biodanza.

Leave a reply

Associazione Sportiva Dilettantistica
Tel: +39 347 489 0386
+39 347 728 3279

info@biodanzamor.it
Seguici su Facebook

Biodanzamor © 2022. Tutti i diritti riservati.

Powered by FacilisSoftware